public/

Vien Natale. Auguri dal NOCI gazzettino

Vien Natale, non facciamone un evento speciale, straordinario sol perché esso giunge dopo due anni di “assenza”, evitiamo lo stress e riconsideriamo la magia della Natività: una stalla con la sua mangiatoia e due animali, una cometa in cielo, la gioia e lo stupore di pastori raccogliticci dei dintorni, un Bambino inerme ma potente, quello che rinnoverà il mondo. La “felicità delle piccole cose” (Ariosto, Satire, III) o “di niente” (Fucini, poesie).

Non diamoci da fare straordinariamente. “Calma e gesso”, gioia soffusa, condivisione, stiamo insieme con prudenza. Non ambiamo di raggiungere la perfezione, di stupire, di rendere l’evento 2021 straordinario. Evitiamo stress e superprestazioni. Non creiamoci problemi eccessivi nella ricerca di regali più impegnativi, al limite del perfetto, non strafacciamo in cucina. È documentato lo stress malefico della casalinga responsabile dei pranzi delle feste. Così come il dopo-festa si infittisce di rimorsi, di sensi di colpa, di eventi patologici che interessano, specialmente, cuore e circolazione del sangue.

Da recente studio nazionale svedese su 283.014 casi di infarto miocardico tra il 1998 e il 2013 in vacanze di Natale/Capodanno, Pasqua, 15agosto, eventi sportivi di rilievo mondiale, è risultato che Natale (specie il 24 dic.) e Ferragosto sono associati a rischio più elevato di infarto miocardico; meno a Pasqua e negli eventi sportivi (ci si muove di più). Rischio più pronunciato in over 75 anni e nei diabetici e coronaropatici.

A tavola, concediamoci una responsabile, consapevole libertà, non mettiamo al bando gli alimenti della tradizione nostra che non disdegna le verdure amare, i “sopratavola” ed introduciamo qualche seduta di esercizio fisico (la camminata di 30 minuti quotidiani a passo svelto, confacente) e, soprattutto, facciamo rinunce nei giorni precedenti (le “vigilie con un modesto menu e niente carne” erano precetto non solo religioso ma anche di salute) o successivi. Poco alcol (specie il super) e molti liquidi: acqua, tè, spremute senza zuccheri aggiunti.

A tavola e durante i giochi e le conversazioni di famiglia, sia tassativamente proibito di parlare di conflitti interni passati o presenti, successioni, proprietà, politica e, in questo frangente, di Covid né di si-no vaccino. La Tv può attendere.

Proteggiamoci dal freddo ma non ostacoliamo i ricambi d’aria negli ambienti in cui soggiorniamo. Indossiamo indumenti sufficientemente protettivi e che possano consentire l’adeguamento a mutamenti di temperatura (vestirsi “a cipolla”, a strati, che, cioè, possiamo sottrarre o sommare a seconda dei casi), evitiamo i cambi repentini di ambienti e temperature relative. Proteggiamo bocca e naso (la mascherina ci sarà utile anche per questo).

Potrebbero capitare – crepi l’astrologo – piccoli raffreddori o parainfluenze. Raccomandati: “sciroppo” di letto e coperte, piccoli rimedi, semplici del fai-da-te (consiglio di medico o farmacista), farmaci delle confezioni cosiddette da banco (con bollino rosso), alimentazione controllata, idratazione sufficiente.

Il freddo può causare secchezza, ruvidezza e screpolatura della pelle, arrossamenti e prurito, persino i dimenticati geloni e la benefica mascherina (da non trascurare), in persone sensibili, può provocare secchezza cutanea ma anche dermatite o acne.

Contro irritazioni cutanee, sostanze emollienti, pomate ad azione idratante e antisettica e creme lenitive ad azione antipruriginosa e antinfiammatoria; per le screpolature, creme protettive e ad azione antisettica, antinfiammatoria.

Prudenza e distanziamento sociale, che non vale per chi non è vaccinato a dovere poiché questo non va ammesso nei consessi, locali e nei contatti di qualsiasi tipo. Difendiamo la nostra salute.

Buon Natale e miglior Anno Nuovo da noi tutti del NOCI gazzettino.

Info notizia

22 dicembre 2021

Altre di redazionali

30 aprile 2022

Viva il Primo Maggio, festa del lavoro

23 aprile 2022

25 aprile. Una giornata memorabile che non va dimenticata

15 aprile 2022

Risuonino le campane, e torni la Pace. Buona Pasqua dalla redazione del NOCI gazzettino

Commenta questa notizia