public/

Covid: Impennata di casi, 80 le persone "positive"

Sarebbero 80 i soggetti risultati positivi al Covid-19 alla data dell’11 febbraio 2021 (+1 rispetto al 10/02) e 71 i soggetti posti in isolamento fiduciario (-25 rispetto al 10/02). Degli 80 contagiati, 25 risultano minorenni. Tanti i nocesi deceduti a causa del virus (l'ultimo, in ordine di tempo, questa mattina) che da circa un anno sta scandendo la vita della nostra comunità e non solo. A divulgare i dati è stato il sindaco Domenico Nisi attraverso una diretta sui social network ufficiali.

Il primo cittadino si è soffermato principalmente su due argomenti, ma non ha lesinato di rispondere alle domande, e alle polemiche, di alcuni concittadini. Sulle scuole il primo cittadino ribadisce di aver adoperato sempre correttamente e “con la massima prudenza” rispettando le direttive impartite dal Dipartimento di Prevenzione Salute ASL BA che ha esaminato di volta in volta i casi che si sono presentati nei singoli plessi scolastici. Non da ultimo le situazioni dei plessi Scotellaro e Tinelli. In entrambi i casi Nisi ribadisce il concetto che il rispetto della profilassi sanitaria è di competenza del Dipartimento di Prevenzione Salute che decide se chiudere la scuola o sospendere le lezioni. È inoltre possibile chiedere la DAD (Didattica A Distanza) per gli studenti di scuola media inferiore e superiore dando facoltà alle famiglie di scegliere. Le stesse alle quali il sindaco raccomanda di non fare di testa propria “perché si genera confusione”.

Altro tema di acceso dibattito, soprattutto sui social network, è quello legato alla manifestazione religiosa in omaggio a Maria SS. di Lourdes celebrata sul sagrato della chiesa SS.mo Nome di Gesù: “Io ho visto persone che erano all’aperto, distanti, con la mascherina. Questa cosa può anche non piacere, urtare, non essere condivisa, però immaginare che tutte le situazioni possono essere definite uguali disturba”.

In ultimo il sindaco ha rivolto un appello alla cittadinanza raccomandandosi di essere prudenti, di rispettare le norme e soprattutto di rispettare la quarantena. “Se i casi salgono – dice il primo cittadino – è perché non sono le norme che non funzionano, ma perché qualcuno ha deciso di disapplicarle facendo finta che il covid non esiste o che non riguardi se stesso o la propria famiglia”.

Info notizia

Altre di comunità

06 marzo 2021

Curoibenicomuni: il Comune partecipa all’iniziativa dell’ANCI

06 marzo 2021

"Vaccine Day" per i volontari della Croce Rossa Italiana Comitato della Bassa Murgia

05 marzo 2021

"PERICOLO COVID - Vaccini e Prospettive Future", il webinar del NOCI gazzettino

Commenta questa notizia