UNESCO e poste francesi dedicano un francobollo ai trulli. L'intervento del sen. Liuzzi

I trulli di Alberobello hanno ricevuto un ulteriore e particolare segno di apprezzamento con l’emissione da parte de La Poste, il principale operatore postale francese, di un francobollo di servizio dell’UNESCO.

Il valore postale commemorativo di € 0,83, tariffa per l’affrancatura di posta prioritaria per l’Europa, è stato posto in vendita il 10 novembre 2014. Stampato in offset, con tiratura di 500.000 esemplari in foglietti da 50, ha dimensioni di 40 x 26 millimetri. La vignetta, opera di Jean-Paul Veret-Lemarinier, riporta un agglomerato di trulli e la scritta “Les trulli d’Alberobello Italie”.

Non è la prima volta che i trulli ricevono un omaggio dentellato ma è la prima volta che il riferimento è specifico ed esclusivo per i trulli di Alberobello. Infatti il 21 maggio 1976 le poste italiane, nella 3. serie “Propaganda turistica”, misero in commercio un francobollo da 150 lire dedicato alla Valle d’Itria raffigurante alcuni trulli.

L’UNESCO, Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura, con sede centrale a Parigi, ha in questo modo contribuito a pubblicizzare ulteriormente Alberobello e le sue peculiari abitazioni. Così La Poste descrive l’emissione: “I trulli sono abitazioni in pietra a secco della regione Puglia, nel sud dell’Italia. Sono esempi eccellenti di costruzione senza malta, una tecnica ereditata dalla preistoria e ancora in uso nella regione. Le abitazioni sormontate da tetti piramidali, a cupola o conici, sono costruite con pietre calcaree raccolte nei campi vicini. Alberobello, la città dei trulli, offre un esempio eccezionale d’architettura locale. E’ uno degli spazi urbani di questo tipo tra i meglio conservati e più omogenei d’Europa. Il sito è Patrimonio mondiale dell’Unesco dal 1996”.

Una emissione, quella francese, apprezzata e gradita non solo dai collezionisti ma da quanti amano e difendono il patrimonio culturale architettonico italiano. La filatelia costituisce, tra l’altro, un ottimo veicolo per diffondere cultura, per sollecitare pace e fratellanza e per promuovere turismo e progresso economico e sociale.  Si ricorda che ad Alberobello è attivo il Circolo filatelico collezionistico dei trulli – a cui aderiscono anche alcuni nocesi - che, fondato nel 2011, si propone di promuovere, sviluppare e tutelare il collezionismo di ogni tipo, in particolare filatelico. Per informazioni: e-mail cifitrulli@libero.it, pagina facebook http://www.facebook.com/cifitrulli.

L'intervento del sen. Piero Liuzzi

E' di questi giorni l'emissione in 500mila esemplari del francobollo che raffigura la cittadina pugliese con le caratteristiche dimore a forma di cono. Dovremo essere grati ai nostri cugini d'Oltralpe per l'omaggio reso a questi diffusi monumenti alle fatiche dei nostri avi ed alle azioni responsabili di tutela che siamo chiamati a mettere in campo.  Non accade spesso che la Francia gratifichi il nostro sentimento nazionale mettendo da parte stereotipi e luoghi comuni".

Liuzzi sollecita "il Governo ad esprimere gratitudine verso la Francia per aver adottato la singolare iniziativa di dedicare un valore bollato ad uno dei monumenti più significativi dell'habitat rurale mediterraneo, patrimonio Unesco". "Altrettanto deve fare la Regione Puglia - aggiunge Liuzzi - che nel riconoscimento attribuito alla cittadina pugliese riconosce storici legami culturali coltivati sin dalla fine dell'Ottocento dallo studioso Emile Bertoux, emulo dei temerari viaggiatori del Grand Tour.

Photogallery

clic x zoom

Info notizia

Altre di comunità

27 maggio 2020

Iniziata l'indagine sierologica, anche Noci tra le città campione

26 maggio 2020

Mercato settimanale: I commercianti non riaprono

23 maggio 2020

Attività produttive: Positivo l'incontro tra Amministrazione e operatori del settore

Commenta questa notizia