public/

Fase2 del settore ristorativo. Intini (Asso Eventi): "Il nostro mood è essere resilienti"

La fase di lockdown ha comportato la chiusura di molte strutture del settore ricettivo e ristorativo. Il blocco, seppur momentaneo, ha generato una forte restrizione della domanda che ha catapultato imprenditori e ristoratori in una situazione di sconforto generalizzato e nel timore di una ripresa distante nel tempo. "Per un settore che vive grazie al lavoro giornaliero - dice al NOCI gazzettino Domenico Intini di Asso Eventi Bari-BAT - una battuta d’arresto di 80 giorni rappresenta un duro colpo all’economia delle singole aziende, ma soprattutto a livello nazionale. Il nostro settore comporta il 13% del PIL, senza contare l’indotto collegato, che in questo periodo ha già generato più di 25miliardi di perdite. Facendo parte di Asso Eventi – Confindustria Italia, ho partecipato a molte callconference per monitorare quelle che possono essere eventuali soluzioni alla crisi sanitaria ed economica ma, soprattutto, come il mondo ristorativo si svilupperà nel prossimo futuro"

In che modo l’associazione vuole contribuire al rilancio del settore?

"Asso Eventi è molto attivo a livello regionale e nazionale con il nostro presidente Sen. Michele Boccardi presente in prima linea. Il Presidente ha anche fatto il mio nome per far parte del tavolo tecnico della regione Puglia per poter programmare un rientro a lavoro e un rilancio turistico immediato. Il mondo degli eventi, della ristorazione e del turismo in generale, è stato il primo a fermarsi, ancor prima che il governo diramasse il lockdown, e sarà l’ultimo a riattivarsi e riprendersi".

A Noci come vi state organizzando?

"Per il nostro ristorante stiamo riprogrammando il rientro, in totale sicurezza. In questo momento, il nostro mood è essere resilienti. Dobbiamo essere capaci di far fronte in maniera positiva a eventi traumatici, riorganizzandoci positivamente e guarda in maniera visionaria a come il mondo della ristorazione cambierà. Con i nostri ottimi collaboratori stiamo già studiando e programmando il rientro con una ventata di freschezza, in grado da regalare nuove esperienze ai nostri clienti. A loro va il nostro abbraccio più grande, a chi in questo periodo ha dovuto annullare o rimandare il proprio evento. Siamo certi che torneremo presto a rivivere con felicità, un pranzo o una cena con parenti e amici, dimenticandoci il periodo buio passato e brindando ad un futuro radioso, accompagnando il tutto, ovviamente, con buon cibo e ottimo vino".

Info notizia

Altre di economia

23 giugno 2020

Emiliano premia Giovanni D'Ambruoso

16 giugno 2020

Blocco delle CIG, commercialisti in preda alla burocrazia

06 giugno 2020

Greenblu Digitalk: Come sarà l'estate in Puglia e Basilicata

Commenta questa notizia