public/

24 novembre: “Sine Nomine” alla Cappella Paolina

Musica etnica e jazz, repertori classici e improvvisazione saranno di scena oggi 24 novembre al Quirinale per una singolare proposta pugliese-marchigiana che in questi giorni è stata elaborata e provata a Noci presso la sede del Parco Letterario Forniche di Puglia.

Il musicista marchigiano Daniele Bonaventura e la formazione pugliese Vertere string quartet saranno di scena nella Cappella Paolina, una delle meraviglie architettoniche e d’arte dell’ex reggia dei papi, oggi sede del presidente della Repubblica, con un ampio programma musicale trasmesso in diretta alle ore 11:50 da Rai Radio 3.

“Sine Nomine” è il titolo del concerto: un lavoro unitario, composto dallo stesso Bonaventura, che attraversa il mondo sacro e quello profano con una serie di temi e contrappunti a cinque voci che non tradiscono l’approccio rigoroso e spirituale della partitura scritta, ma lasciano ampi spazi al respiro dell’improvvisazione. L’opera è nata attorno alla necessità di proporre e di rileggere in una chiave nuova un patrimonio musicale legato alle origini dell’autore. La proposta si colloca perciò in un territorio che interseca la musica etnica e il jazz, la composizione classica e l’improvvisazione, cercando l’incanto dell’emozione anche nei suoi momenti più schiettamente sperimentali.

Nella cittadina della Murgia dei Trulli è il musicista Giuseppe Amatulli a fare gli onori di casa. Esecutore fine, amato dal pubblico nocese e pugliese, Amatulli ha dato vita nel 2003 al quartetto di archi composto anche dal violino Maurizio Schiuma, Domenico Mastro (viola) e Pietro Dattoli (violoncello). Tre pugliesi ed un lucano che vantano riuscite collaborazioni con Javier Girotto e Paolo Fresu nonché un’ampia discografia ed esecuzioni andate in onda sullla reti Rai, Mediaset e Sky.

Info notizia

24 novembre 2019

Altre di cultura

10 dicembre 2019

De Crescenzo presenta "A un passo da te"

06 dicembre 2019

Io leggo... con Giovanna De Crescenzo

02 dicembre 2019

Presentata la rivista "Lingua Gnostra"

Commenta questa notizia