public/

“I nostri figli come sardine”, scattano i controlli

Nelle giornate di lunedì e martedì, i Carabinieri della stazione locale hanno predisposto un servizio specifico di controllo sui mezzi di trasporto pubblico. I controlli erano atti a verificare se venisse rispettata la capienza delle persone trasportate sul singolo mezzo.

Il tutto sarebbe partito da una denuncia informale da parte di alcuni genitori che lamentavano gli scarsi posti a sedere sugli autobus presi regolarmente dai figli per andare e tornare da scuola nei paesi limitrofi. La tesi sostenuta dai genitori sarebbe che i figli viaggiano in condizioni non regolari per via della troppa affluenza che si crea sugli autobus. Da quando è stata chiusa la tratta ferroviaria Noci-Martina Franca, per adeguamento della rete, gli autobus sono diventati i mezzi principali di spostamento per studenti e pendolari.

Dai controlli predisposti dai militari dell’arma sembra invece che tutto si svolga regolarmente. La normativa di settore prevede che, oltre ai regolari posti a sedere, nei mezzi possono essere utilizzati posti in piedi che nel caso specifico dei mezzi controllati arrivano sino a un massimo di trenta. Niente “effetto sardine” insomma, gli autobus circolanti sembrano abbastanza capienti da accogliere tutti.      

Info notizia

Altre di cronaca

10 luglio 2019

Maltempo: Alberi sradicati alla Madonna della Scala

09 luglio 2019

Anziana derubata in centro

03 luglio 2019

Ritorna il lupo nelle campagne. Coldiretti: “Mattanza nelle stalle”

Commenta questa notizia