public/

“I nostri figli come sardine”, scattano i controlli

Nelle giornate di lunedì e martedì, i Carabinieri della stazione locale hanno predisposto un servizio specifico di controllo sui mezzi di trasporto pubblico. I controlli erano atti a verificare se venisse rispettata la capienza delle persone trasportate sul singolo mezzo.

Il tutto sarebbe partito da una denuncia informale da parte di alcuni genitori che lamentavano gli scarsi posti a sedere sugli autobus presi regolarmente dai figli per andare e tornare da scuola nei paesi limitrofi. La tesi sostenuta dai genitori sarebbe che i figli viaggiano in condizioni non regolari per via della troppa affluenza che si crea sugli autobus. Da quando è stata chiusa la tratta ferroviaria Noci-Martina Franca, per adeguamento della rete, gli autobus sono diventati i mezzi principali di spostamento per studenti e pendolari.

Dai controlli predisposti dai militari dell’arma sembra invece che tutto si svolga regolarmente. La normativa di settore prevede che, oltre ai regolari posti a sedere, nei mezzi possono essere utilizzati posti in piedi che nel caso specifico dei mezzi controllati arrivano sino a un massimo di trenta. Niente “effetto sardine” insomma, gli autobus circolanti sembrano abbastanza capienti da accogliere tutti.      

Info notizia

Altre di cronaca

17 aprile 2019

Blitz antidroga dei Carabinieri. Due pusher ai domiciliari, tre segnalati alla Prefettura

16 aprile 2019

Coinvolto in sinistro stradale, muore 42enne

24 marzo 2019

Le sentenze del Processo Gibbanza

Commenta questa notizia