public/

"Il gioco dell'arte" in mostra

Si intitola “Il gioco dell’arte”, la prima personale firmata dall’artigiano nocese Rocco Colucci e inaugurata lo scorso 29 dicembre, presso il Chiostro delle Clarisse. L’esposizione, come il nome stesso lascia intendere, sceglie l’accezione di “gioco” nella sua declinazione più marcatamente sperimentale. Non a caso, Colucci sceglie espressioni artistiche differenti e le riassume in un unico concept, rigettando pretese dadaiste ed offrendo esempio tangibile di come forme d’arte apparentemente spaiate trovino in serie una loro peculiare armonia. Abbiamo incontrato il restauratore nocese per saperne di più.

 Di cosa si compone la mostra?

"La mia personale è proprio il risultato di queste visioni.  Le tecniche di realizzazione e forme d’arte che vi si rintracciano sono molteplici. Le polaroid sono state esposte a Firenze, nel contesto di una discussione sulla possibilità di definire la fotografia un’opera d’arte. Tra gli scatti con la polaroid, anche alcuni scorci nocesi.  Lavoro dal ‘75 con la materia…è pur sempre mezzo secolo che ho a che fare con l’arte in tutte le sue sfaccettature".

Il vernissage è stato partecipato dal sindaco Domenico Nisi e dal regista conversanese Domenico De Orsi. La mostra sarà fruibile sino al prossimo 7 gennaio.

Info notizia

Altre di cultura

16 gennaio 2019

Alto volume, il nuovo libro di Francesco Giorgino

13 gennaio 2019

Il sen. Liuzzi per i dieci anni del Freedom Chorus

13 gennaio 2019

“Solitudine e sete”, il bullismo di Dalessandro

Commenta questa notizia