public/

Luisa Notarangelo e i suoi "Canti Migranti"

Tra testi poetici appartenenti ad altre culture si è tenuto sabato, 8 settembre, "Canti Migranti - Musica dai porti del mondo". L'evento, organizzato dall'Avis, con il patrocinio del Comune di Noci, ha avuto luogo sul Sagrato della chiesa della Navitività, in una suggestiva e affollata Piazza Plebiscito.

A presentare e raccontare la serata Giulia Basile, che ha recitato alcune poesie del poeta portoghese Fernando Pessoa, intimamente connesso alle musiche e alle terre protagoniste della serata. Ad accompagnare i presenti in questo viaggio tra i popoli, l'incantevole e potente voce di Luisa Notarangelo, nota cantante barese da sempre interessata alla musica portoghese e, soprattutto, a quel genere di musica popolare che prende il nome di "Fado". A lei si deve la nascita del progetto "Canti Migranti", nato nel 2017 dalla necessità di approfondire e far conoscere le tradizioni musicali degli ambienti in cui esse si sono sviluppate, in questo caso l'ambiente dei porti. La Notarangelo ha presentato al pubblico il suo variegato programma musicale, a partire dal tango, continuando con "Fado Florbela" per concludere con la Ranchera messicana e la canzone classica napoletana e romana; il tutto accompagnato dalle chitarre di Christian Cassano e Gianni Sciambarruto. Tra i compositori proposti durante la serata, alcuni grandi nomi della musica tradizionale come Carlos Gardel e Sebastián Iradier.

“I porti oggi sono visti solo come un luogo di scambio commerciale - spiega la prof.ssa Giulia Basile, continuando - Noi invece vogliamo vedere i porti come un luogo di scambio interculturale, per questo nessuno deve chiuderli, ma continuare ad accogliere persone diverse, perché parole come espulsione dovrebbero scomparire dal vocabolario dei popoli definiti civili”.

Photogallery

clic x zoom

Info notizia

Altre di cultura

16 gennaio 2019

Alto volume, il nuovo libro di Francesco Giorgino

13 gennaio 2019

Il sen. Liuzzi per i dieci anni del Freedom Chorus

13 gennaio 2019

“Solitudine e sete”, il bullismo di Dalessandro

Commenta questa notizia