public/

Crepet: Un bambino senza desideri è un bambino senza passioni

Si è tenuto ieri, mercoledì 18 aprile, presso l'Auditorium 'Abbado' della scuola Media "Gallo", l'attesissimo appuntamento nocese con Paolo Crepet. L'incontro, organizzato dall'associazione Genitori e Simpatizzanti del circolo "Gallo-Positano", ha affrontato il tema dell'educazione, particolarmente delicato soprattutto in tempi sempre più tecnologici come quelli che stiamo vivendo.

Psichiatra di fama internazionale, ma anche scrittore e sociologo, Paolo Crepet ha pubblicato moltissimi scritti (tra saggistica e narrativa) ed è impegnato in un tour presso i licei e le scuole di tutto il mondo per parlare di educazione e sentimenti, ciò che, per lo scrittore stesso, è "la cosa più interessante della vita". Introdotto dalla prof.ssa Lenella Breveglieri (dirigente scolastica degli Istituti), e coordinato da Mariantonietta Plantone (socia fondatrice dell'Associazione), Crepet ha saputo attrarre completamente l'attenzione dell'entusiasta platea. Molti gli argomenti trattati durante l'incontro partendo dalla meritocrazia, passando per la tecnologia e il bullismo. Per Crepet è importante negare qualcosa ai figli, lasciarli liberi di sbagliare e affrontare le più disparate esperienze, e far si che si creino poi i propri desideri e passioni: "Un bambino senza desideri è un bambino senza passioni" afferma Crepet, che continua "e un bambino senza passioni è un bambino malato, malato di una malattia grave perché quel bambino non vivrà, ma sopravvivrà".

Importante è il ruolo della scuola, in quanto rappresenta il "centro nevralgico" della comunità, un posto dal quale ognuno di noi è dovuto passare. A seguire, fari puntati sulla tecnologia che per Crepet non è sempre positiva, così come l'introduzione dei tablet nelle scuole primarie, perché contribuisce allo sviluppo di una "società di molluschi". In conclusione i presenti hanno potuto rivolgere domande allo stesso Crepet che, sempre in modo brillante e ironico, ha saputo dar risposta a tutti i dubbi. "Fate domande" – ha concluso Crepet e continuando - "Fate più domande che potete perché è un modo per acquisire cultura. Tutto quello che è comodo è stupido, ed è un male perché la comodità predilige la possibilità di tornare a casa in ogni momento, e la vita è allontanarsi, andare e scoprire".

Info notizia

Altre di cultura

20 ottobre 2018

Dopo i "Giovani Talenti", stasera tocca a Tinelli, Mazzoccante e Pfeffer

20 ottobre 2018

La nascita del Liceo nel contesto storico culturale degli anni '60

19 ottobre 2018

Tre Convegni sulla storia del Liceo "da Vinci"

Commenta questa notizia



Weekly News

Qidea srl Editore

p.iva 07543340728
via Cesare Battisti, 43 - 70015 Noci (BA)
Registrato presso il tribunale di Bari al n. 356 del 10/12/1968
Direttore responsabile: Nicola Simonetti

NOCI gazzettino

Redazione
Largo Garibaldi, 1 - 70015 Noci (BA)
tel. +39 080 4979274 | info@nocigazzettino.it
Contatti | Archivio