public/

CAM: udito e declino cognitivo

Si è tenuto sabato 3 marzo l'incontro dal titolo "UDITO, ETA' E DECLINO COGNITIVO - correlazione e prevenzione", organizzato dal Centro Acustico Meridionale (CAM) di Noci, con la collaborazione dell'UTEN e dell'Associazione Alzheimer di Putignano, oltre il patrocinio del Comune di Noci.

L'incontro, organizzato in occasione della "Giornata Mondiale dell'Udito", è stato strutturato sull'intervento di quattro professionisti in ambito medico e psicologico che hanno spiegato al numeroso pubblico presente problemi, cause e conseguenze del declino cognitivo dovuto all'abbassamento dell'udito.

Introdotto e moderato dalla dott.ssa Annamaria Quarato (audiometrista e audioprotesista della CAM), l'incontro è stato aperto dal dott. Domenico Leone, specialista in otorinolaringoiatria presso il Presidio Ospedaliero "Valle d'Itria" di Martina Franca. Si è parlato dell'ipoacusia (indebolimento della capacità uditiva) e delle sue cause, tra le quali l'invecchiamento e l'utilizzo di farmaci ototossici. È stato anche spiegato come l'incidenza maggiore di questa condizione è riscontrabile tra coloro che hanno più di 65 anni ma può colpire anche i giovani; in questo caso però, si tratta di una predisposizione genetica.
Dall'ipoacusia alla demenza, è stato il turno della dott.ssa Paola Cosmo, neurologa e presidente dell'associazione "Alzheimer Putignano" Onlus. La dottoressa ha trattato il delicato tema parlando di come spesso la si consideri come un qualcosa di normale nell'anziano e di come possa invece portare alla depressione: questo perché il soggetto tende ad attuare un isolamento sociale dovuto al fatto che spesso ci si stanca, o si prova vergogna, nel chiedere di ripetere quello che non si è capito. Alla famiglia il compito di coinvolgere continuamente l'anziano, stimolando il cervello grazie anche a numerose attività che possono essere proposte in centri specializzati.
Il dott. Rodolfo Sardone, coordinatore della ricerca "Geat Age Study" presso l'IRCSS "S. De Bellis" di Castellana Grotte e l'Università degli Studi di Bari, ha invece esordito dicendo che la demenza è purtroppo molto frequente, tanto che, nel mondo, una persona ogni tre secondi la sviluppa; questo fenomeno in enorme espansione è dovuto principalmente all'aumento dell'età media della popolazione. Lavorando sull'MCI (compromissione cognitiva lieve) è possibile studiare meglio il caso, in quanto la demenza è una diagnosi tardiva. Prevenirla, infatti, è più semplice di quanto si pensi; è importante in questi casi la prevenzione con l'esame audiometrico, seguito da una diagnosi precoce e successiva riabilitazione.
A chiudere l'incontro la dott.ssa Manuela Benedetto, psicologa e psicoterapeuta, che ha spiegato tutti i risvolti psicologici legati al declino cognitivo. Per il paziente risulta molto importante l'essere compreso, specialmente da amici e famiglia che hanno il compito di accompagnare in un percorso di piena consapevolezza.

Durante la serata, la toccante esibizione dell'attore nocese Vittorio Goffredo che ha rappresentato la frustrazione e il dialogo interiore delle persone affette da ipoacusia e demenza senile.

Info notizia

Altre di comunità

07 dicembre 2018

Ordinazione di don Francesco Ramunni

05 dicembre 2018

Il programma degli eventi di Natale

Commenta questa notizia



Weekly News

Qidea srl Editore

p.iva 07543340728
via Cesare Battisti, 43 - 70015 Noci (BA)
Registrato presso il tribunale di Bari al n. 356 del 10/12/1968
Direttore responsabile: Nicola Simonetti

NOCI gazzettino

Redazione
Largo Garibaldi, 1 - 70015 Noci (BA)
tel. +39 080 4979274 | info@nocigazzettino.it
Contatti | Archivio