public/

Stefano Perta e il nuoto

Stefano Perta e un innato talento per il nuoto che lo ha portato sul podio in gare di fondo importanti: dal primo posto assoluto al "Calaponte TriWeek", al secondo posto assoluto nell’unica tappa italiana dell’Oceanman che gli è valso la qualificazione alla finale spagnola. Piedi ben piantati a terra e testa in acqua per il sedicenne nocese che, adesso, ha un unico obiettivo migliorarsi sempre e far bene anche a livello mondiale.

Stefano, quando è nata la passione per il nuoto?

La passione per il nuoto l’ho sempre avuta. Ho iniziato a nuotare da piccolissimo con Antonio Liuzzi, avevo forse tre o quattro anni quando sono entrato per la prima volta in piscina. Come i miei coetanei ho provato altri sport, ma il nuoto è sempre stato quello che più mi piaceva

Quante ore ti alleni?

Mi alleno sei giorni alla settimana in piscina e due giorni in palestra. L’allenamento non basta, seguo anche un’alimentazione corretta

Come riesci a conciliare gli allenamenti e gli impegni scolastici?

Penso che scuola e sport si possano conciliare tranquillamente. Per riuscire a far bene tutto è importante organizzarsi tutta la settimana, così cerco di anticiparmi i compiti oppure appena rientro da scuola, già prima di pranzo, inizio a studiare qualcosa e poi continuo a fare i compiti. E poi, se a scuola hai risultati positivi anche nel nuoto arrivano le soddisfazioni

Qual è stata la prima gara in acque libere?

L’amore per il nuoto di fondo è nato cinque anni fa con la mia prima gara all’Isola del Giglio. Di quella esperienza ricordo di aver nuotato sotto il temporale. A quella traversata poi ne sono seguite altre fino alla tappa italiana al Lago D’Orta dell’Ocenaman di quest’anno

Com’è andata la 14 km al Lago D’Orta?

Mi sono piazzato secondo assoluto e mi sono qualificato per la finale del 15 ottobre in Spagna. Ho nuotato i primi 10 km con il gruppo di testa e gli ultimi chilometri mi sono staccato. All’arrivo ero felice, non avevo mai nuotato per 14 km e per me era una sfida. Ho un po’ di amarezza per essere arrivato a 55” dal primo che non sapevo di avere avanti, altrimenti avrei spinto di più

A cosa pensi quando nuoti per tante ore?

È fondamentale essere concentrati. In gara penso alla fatica degli allenamenti e il tempo passa. Ogni tanto canto, penso e, a volte, ripeto gli argomenti che ho studiato

Che differenza c’è tra le gare in piscina e quelle in mare?

In piscina le virate spezzano il ritmo della nuotata. In mare, invece, prendi un ritmo e riesci a portarlo fino alla fine. L’unica difficoltà è mantenere la rotta e orientarsi

Quali sono i tuoi prossimi obiettivi?

Il mio obiettivo è la finale del Campionato del mondo Oceanman Championship a Benidorm in Spagna il 15 ottobre prossimo. Gareggerò insieme ai vincitori delle tappe del circuito e agli altri qualificati e voglio dare il massimo per fare bella figura anche a livello mondiale. Alla finale saranno 10 km e mi allenerò per far bene

Chi vorresti ringraziare?

I miei genitori che mi accompagnano a tutte le gare e sono i miei primi tifosi, i miei allenatori Ippazio Pinca e Matilde Petruzzi e tutti coloro che mi permettono di raggiungere questi obiettivi.

 

Info notizia

Altre di sport

22 settembre 2017

Aquathlon maschile, alla Otrè il titolo regionale

21 settembre 2017

Brito ultimo acquisto della puroBIO

21 settembre 2017

Montedoro, domenica prossima si corre a Putignano

Commenta questa notizia



Weekly News

QUID Srls Editore

p.iva 07543340728
via Cesare Battisti, 43 - 70015 Noci (BA)
Registrato presso il tribunale di Bari al n. 356 del 10/12/1968
Direttore responsabile: Nicola Simonetti

NOCI gazzettino

Redazione
Largo Garibaldi, 1 - 70015 Noci (BA)
tel. +39 080 4979274 | info@nocigazzettino.it
Contatti | Archivio