public/

Rifiuti: aumentano le sanzioni per i trasgressori

Sono stati modificati, con Delibera di Giunta n. 84 dell’11 Agosto 2016, i minimi delle sanzioni previsti dal “Regolamento comunale delle Sanzioni”, relativamente a quanto disposto dall’art. 3 dello stesso “Entità delle sanzioni”.

Le modifiche apportate fanno seguito a una relazione tecnica a firma del Comandante della Polizia Municipale, Magg. Dott. Vavallo, e fanno riferimento alle violazioni relative al deposito e conferimento dei rifiuti nei cassonetti stradali. Per meglio garantire l’osservanza delle disposizioni contenute nell’ordinanza sindacale del 15 giugno scorso, sono stati aumentati i minimi delle sanzioni amministrative a carico dei responsabili degli illeciti, nello specifico:

- € 500,00 per la violazione del divieto di deposito nei cassonetti e/o nelle immediate adiacenze di rifiuti differenti dai rifiuti solidi urbani (grosse quantità di rifiuti ingombranti);

- € 250,00 per la violazione del divieto di deposito nei cassonetti e/o nelle immediate adiacenze di rifiuti differenti dai rifiuti solidi urbani (piccole quantità di rifiuti ingombranti);

- € 200,00 per la violazione del divieto di deposito per gli esercenti attività di somministrazione di alimenti e bevande di rifiuti solidi urbani negli appositi cassonetti e/o nelle loro adiacenze fuori dagli orari previsti nell’ordinanza (fra le 23:30 e le 6:00 del giorno successivo);

- € 150,00 per la violazione del divieto di deposito per gli esercenti attività commerciali all’esterno delle proprie attività di cartoni o materiale cellulosico non schiacciato e legato fuori dagli orari previsti nell’ordinanza (dalle 6:00 alle 9:00 ogni giorno, escluso domeniche e giorni festivi).

"Approfitto dell’occasione per ricordare che le norme vigenti prevedono che i Comuni (e quindi i cittadini) e/o le gestioni in forma associata (Aro), effettuino un minimo del 65% di raccolta differenziata; – ha dichiarato l’assessore all’Ambiente Lucia Parchitelli – Proprio per questo motivo abbiamo ritenuto opportuno aumentare i minimi delle sanzioni nei confronti di coloro che deliberatamente trasgrediscono le disposizioni dell’Ordinanza Sindacale in materia di conferimento e deposito di rifiuti, fenomeni che rappresentano un costo per l’ambiente e per tutta la comunità e che non possiamo per questo in alcun modo tollerare. Seguirà un’attività di attenta vigilanza da parte del corpo di Polizia Municipale".

Anche il sindaco Domenico Nisi è intervenuto sull'argomento: "L’attenzione di molti cittadini e anche nostra sul tema è molto alta. Come ho detto più volte, non siamo disposti a tollerare ulteriormente l’abbandono indiscriminato di rifiuti, tendendo conto anche del fatto che abbiamo prolungato gli orari di apertura dell’isola ecologica di via Vasconi e v’è un numero verde che è possibile contattare per il ritiro gratuito a domicilio degli ingombranti. Così come non possiamo tollerare che in questo periodo in cui molti visitatori e turisti ci onorano della loro presenza, le strade siano invase da cartoni e i cassonetti risultino stracolmi ad orari non consoni al mantenimento di un’immagine decorosa della nostra città. Dal momento che il buon senso sembra non essere sufficiente ad arginare comportamenti illeciti, che non ho mancato di denunciare personalmente anche attraverso la mia pagina Facebook con la campagna “Noci. Se la ami, la rispetti”, con mio profondo rammarico, siamo costretti ad aumentare l’importo delle sanzioni".

L’isola ecologica di via Vasconi, invece, è aperta dal lunedì al sabato, dalle ore 8:00 alle 17:30, e la domenica dalle ore 7:00 alle 13:00. Il numero verde per il ritiro gratuito a domicilio degli ingombranti è lo 800 588 216 (attivo tutti i giorni dalle ore 8:00 alle 12:00, esclusi domenica e festivi).

Info notizia

27 agosto 2016

Altre di politica

28 gennaio 2020

Noci alla BIT con il progetto “Costa dei Trulli”

28 gennaio 2020

Trattamenti fitosanitari: due giorni di formazione in Comune

21 gennaio 2020

Gli Stati Generali indicano Rapanà candidato alla presidenza della Regione Puglia

Commenta questa notizia